Mein Warenkorb 0 items: 0,00 €

 

Willkommen in der Coltelleria Collini Italy

Conaz Consigli Scarperia - Vernante Corno R-VEC20 - coltello

Item n. 2351

Verfügbarkeit: Nicht auf Lager

159,00 €

Request it by phone 00390331632686

Request it by e-mail

Kurzübersicht

Traditional knife produced by master knife in Scarborough, where, since 1300, continues the manufacture of handmade knives Italian.

Knife typical of Piedmont, in use since the first 800 in Liguria. Originating in the country of Vernante (Cuneo).

The stainless steel blade 420 can be a scimitar straight or flush.
On top of the heel has always feature an appendix to the head of the nail that staying in a recess of the handle allows you to be able to hold the knife blade with the thumb challenged.
Used for all agricultural and domestic work, and for the special sharpening, even for wood carving.
The cattlemen also used it as a surgical tool to cut the belly of the cattle in the pasture, when it was ingested too much wet grass causing excessive accumulation of gas.

Overall length: 200 mm
Blade length: 90mm
Handle: in full polished horn
Sharp Hand

Calculate Shipping Price

Consigli Scarperia - Vernante Corno R-VEC20 - coltello

Klicken Sie doppelt auf das obere Bild, um es in voller Größe zu sehen

Verkleinern
Vergrößern

Mehr Ansichten

  • Consigli Scarperia - Vernante Corno R-VEC20 - coltello
  • Consigli Scarperia - Vernante Corno R-VEC20 - coltello

Zusatzinformation

Share this product
Marke Consigli
Beschreibung

- Guarda tutti i prodotti Consigli in questo link: Consigli

- Se vuoi avere maggiori informazioni su questo prodotto puoi visitare il nostro FORUM e confrontarti con la nostra comunità di appassionati


Profilo Aziendale

Dai tempi del fondo Pasinetti, sono passati più o meno cinquant’anni. Si chiamava così il luogo di via Magenta, nel centro di Scarperia, dove i fratelli Consigli aprirono la loro attività.

Luigi, allora poco più che ventenne ed Enrico, di pochi anni più giovane, si dedicavano alla produzione di coltelli già da diversi anni ma sotto padrone, come si usava dire allora, in quella stessa ditta nella quale il loro babbo, fin dai primi anni del ‘900 si dedicava alla forgiatura e alla realizzazione di coltelli pattada e di coltelli da innesto.
Alla metà del secolo scorso, mentre i giovani se ne andavano dagli splendidi ma avari paesaggi del verde Mugello per cercare migliori opportunità nella vicina Firenze, i fratelli Consigli e il loro amico Marcello Azzini, unirono le loro forze e le prime lettere dei loro cognomi dando vita alla Conaz. Il fondo Pasinetti, con una forgia, un bilanciere a mano per tranciare l’acciaio e persino un forno a carbone per temperare, fu il loro primo teatro.

Intorno alla metà degli anni ’60, per far fronte alle consistenti richieste provenienti dal mercato sardo, la Conaz iniziò a differenziare la produzione.

Da un lato, coltelli robusti e pratici (con finiture anche rivoluzionarie per l’epoca) e dall’altro lato modelli assai pregevoli, come il pattada in corno lucido con lama lucidata a specchio, che si otteneva mescolando colla e smeriglio finissimo (con un’operazione detta del caricar la rota). Già allora, mentre si cavalcava la nuova tendenza generata dal boom delle materie plastiche, si serbava con cura un modo di far coltelli che si capiva sarebbe andato scomparendo e che necessitava quindi di essere custodito gelosamente.

Il corno lucido fu il segno distintivo di una qualità superiore; per plasmare il corno si iniziò ad utilizzare il fuoco al posto della paraffina, ottenendo così un effetto di compattamento degli strati che lo compongono e riducendo la possibilità di sfaldamento che è all’origine dei difetti dei manici.

Passavano gli anni; la tempera ad aria, ottenuta spargendo le lame sul pavimento freddo, lasciò il posto alla tempera ad olio, più pratica e più accurata.
Gli antichi metodi di lavorazione venivano tramandati con attenzione ma con un numero di modelli tutto sommato limitato.

Il risveglio d’interesse per le radici più autentiche dell’arte antica dei ferri taglienti, dette agli artigiani della Conaz la spinta per estendere il loro repertorio attingendo a piene mani alla tradizione scarperiese più viva. Il fiorentino, il senese, il maremmano, il rasolino, i modelli che li hanno resi celebri e che oggi sono il vanto di tanti appassionati e collezionisti, erano ormai una realtà.

Attualmente, accanto alla produzione dei modelli tipici italiani, sintesi perfetta di tradizione, tecnica, eleganza e ricercatezza, si affianca la coltelleria da tavola e da cucina finemente rifinita che impiega materiali nobili come il corno bovino, il corno di bufalo e l’olivo. Il totale impegno della famiglia Consigli è rivolto alla valorizzazione del lavoro artigianale, al mantenimento dei valori di manualità e tradizione e alla continua opera di diffusione degli elementi che possano far apprezzare tali oggetti. Oggi che Luigi Consigli ha raggiunto il meritato pensionamento, Enrico è affiancato dai figli Elena e Pietro. A loro è affidato il compito di custodire la centenaria tradizione artigianale di famiglia per dare nuovo impulso agli ideali dai quali, mezzo secolo fa, nel fondo Pasinetti, nacque la Conaz.

Serie Benchmade Keine Angabe
Artikel 2351
Übersetzen Sie diese Seite in:
vergünstigte Produkte Nein
flache Ausführung faltreifen
Klingenlänge 9 cm
Scharfzeichnen Reiner
Blade-Punkt Clip-Punkt
Blattdicke 3 mm
Oberflächenbehandlung Keine
Edelstahl 420
Kohlenstoff-Stahl Nein
Verriegelungsart None
Griffmaterial natürliche
farbe Keine Angabe
Non-Stahlblatt Nein
EAN Nein
Land der Produktion Italy
Spezialeinheiten Nein
designer Nein
Rarität Keine Angabe
Materialien und Oberflächen 7,5
Stahlqualität 7
Stärke 6
Praktikabilität 6,5
Ästhetik 7,5
Qualität / Preis 7

Schlagworte

Verwenden Sie Leerzeichen um Schlagworte zu trennen. Verwenden Sie das Hochkomma (') für zusammenhängende Textabschnitte.

Visit us on Google+